logocontesto 

SOSTENIAMO IL CANOTTAGGIO

 

 

DONANDO IL NOSTRO 5X1000 a 
CIRCOLO NAUTICO STABIA 
Associazione Sportiva Dilettantistica, 
codice fiscale
8 2 0 0 6 6 7 0 6 3 0 
firmando l’apposita area in sede di dichiarazione dei redditi
 

5 x 1000

 

 

Benvenuto nel Circolo Nautico Stabia una storia di oltre 100 anni

La nautica è quella forma d'arte utile per attraversare il mare con la calma e la speranza

Image
Image
Image
Image
Image
Image
Image

Una cultura che persevera

Sin dal 1921 oltre 100 Anni di storia

  • 1921
  •  
  • 2021


Il circolo Nautico Stabia, racconta oltre 100 anni di storia
Vuoi conoscere i programmi?

Vuoi conoscere i programmi?

Resta aggiornato sulle attività, gare ed eventi
vai agli eventi
Sei curioso della storia del circolo?

Sei curioso della storia del circolo?

Non preoccuparti, vai alla nostra gallery storica e le foto con la loro massima espressione riusciranno a raccontarti le emozioni vissute
Vai alle foto
Il Canottaggio

Il Canottaggio

Sei interessato e pensi che sia lo sport che fa per te? Oppure vuoi essere un membro e/o protagonista della storia del circolo ?
Altri sport

Altri sport

Il Circolo ha altri sport, se sei arrivato fin qui, c'è un tuo interesse..

“Ogni lettore, quando legge, legge se stesso"

Image

L’opera dello scrittore è soltanto uno strumento ottico offerto al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso”. (Marcel Proust)

Colibrì

No item found!

I Presidenti del Circolo

Dobbiamo usare saggiamente il tempo e capire che i tempi sono  sempre maturi per fare la cosa giusta.

I Fratelli Abbagnale

Campioni Olimpici e Mondali di Canottaggio

Conosci la loro storia?

Link Utili

Image
Image
Image
Image

Vuoi farne parte anche tu?

Se desideri maggiori informazioni del Circolo Nautico Stabia puoi contattarci per telefono o email, oppure vieni a trovarci!
Image
© 2024 Circolo Nautico Stabia - Tutti i diritti Riservati
Disegnato e Sviluppato da Simone Ricco,
con la collaborazione di Giancarlo Guarini
Traduzioni a cura di Raffaela De Sinno